Accordo "di principio" sulla fine della guerra di Corea (almeno secondo Seul)

14.12.2021

Fonte HUFFPOST

Per il sudcoreano Moon l'intesa con Kim, Usa e Cina "è vicina". Quasi 70 anni dopo che il conflitto si è concluso con una tregua traballante

Corea del Nord, Corea del Sud, Cina e Stati Uniti hanno concordato "in linea di principio" di dichiarare la fine formale della guerra di Corea, quasi 70 anni dopo che il conflitto si è concluso con una tregua traballante, ha affermato il presidente sudcoreano Moon Jae-in.

Parlando a Canberra durante una visita di quattro giorni in Australia, Moon ha affermato di ritenere che le quattro parti principali abbiano concordato in linea di principio una dichiarazione di pace. Ma ha aggiunto che la Corea del Nord ha fatto della fine "dell'ostilità degli Stati Uniti" una precondizione per i colloqui, secondo quanto riporta il Guardian.

"Per questo motivo, non siamo in grado di sederci per un negoziato sulle dichiarazioni tra Corea del Sud e Corea del Nord e quelle tra Corea del Nord e Stati Uniti", ha detto in una conferenza stampa con il primo ministro australiano, Scott Morrison. "Speriamo che i colloqui vengano avviati. Ci stiamo impegnando in tal senso".

Moon ha affermato di ritenere importante porre fine all'armistizio "instabile" in vigore da quasi sette decenni, aggiungendo che una dichiarazione di pace potrebbe migliorare le prospettive di una svolta nel programma di armi nucleari di Pyongyang.

Ore dopo, il ministro sudcoreano per l'unificazione, Lee In-young, ha affermato che una dichiarazione potrebbe essere un "punto di svolta per una nuova fase di pace" e ha esortato la Corea del Nord ad accettare l'offerta di dialogo di Seoul.

"La Corea del Nord ha apparentemente mostrato un atteggiamento più aperto nei confronti del dialogo rispetto a prima", ha detto Lee, secondo l'agenzia di stampa Yonhap. "La Corea del Nord ha lanciato più missili a corto raggio quest'anno, ma non ha peggiorato gravemente la situazione aumentando le tensioni a un livello elevato".

La guerra di Corea si concluse nel luglio 1953 con un armistizio ma non un trattato di pace, il che significa che il Nord e il Sud sono ancora tecnicamente in guerra.

Moon, che ha fatto dell'impegno con la Corea del Nord una caratteristica chiave della sua amministrazione, sta spingendo per un trattato di pace prima che il suo mandato di cinque anni come presidente della Corea del Sud finisca la prossima primavera. Ha ripetuto la sua richiesta di fine formale delle ostilità durante il suo discorso all'assemblea generale delle Nazioni Unite a settembre. Kim Yo-jong, l'influente sorella del leader nordcoreano Kim Jong-un, ha descritto la sua iniziativa come "un'idea interessante".

Secondo quanto riferito, i funzionari cinesi hanno espresso sostegno alla proposta, mentre la Corea del Sud e gli Stati Uniti sarebbero nelle fasi finali della stesura di una bozza di dichiarazione. La Corea del Nord ha però indicato che non si unirà ai colloqui sulla fine del conflitto fino a quando gli Stati Uniti manterranno la loro "posizione ostile", un riferimento alla presenza di 28.500 soldati americani in Corea del Sud e alle esercitazioni militari annuali tra Stati Uniti e Corea del Sud che Pyongyang considera una prova generale per un'invasione.

GUERRE PACE La Rivista di informazione internazionale alternativa
Tutti i diritti riservati 2019
Creato con Webnode
Crea il tuo sito web gratis! Questo sito è stato creato con Webnode. Crea il tuo sito gratuito oggi stesso! Inizia