Una comunità mainstream

07.11.2021

Dovremmo iniziare riconoscendo gli individui e le organizzazioni che lavorano per proteggere l'ambiente sul campo nelle aree colpite da conflitti armati. L'idea che i conflitti in qualche modo impediscano alle persone di preoccuparsi di proteggere il luogo in cui vivono e da cosa dipendono, si è dimostrata un'assurdità. Al contrario, assistere al degrado e sperimentare in prima persona la perdita può guidare e sostenere l'organizzazione di base. Grazie ai social media e agli strumenti online, sta diventando più facile che mai per coloro che subiscono direttamente l'impatto ambientale dei conflitti raccogliere e condividere dati a livello internazionale. E queste organizzazioni stanno trovando più persone con cui lavorare. Che si tratti di affrontare l'inquinamento e i danni, l'estrazione insostenibile di risorse o i diritti degli indigeni e della terra, i numerosi studiosi e professionisti che lavorano sotto la bandiera della costruzione della pace ambientale stanno integrando la relazione tra ambiente, pace e sicurezza sul campo e nelle pagine di studi accademici riviste. Queste relazioni vengono sempre più insegnate anche a una nuova generazione di studenti, che ora hanno accesso a una base di conoscenze ricca e in continua espansione di casi di studio, ricerca e pratica. Inoltre, si stanno avvicinando a questi temi già consapevoli e sensibilizzati grazie al lavoro dei tanti giornalisti di tutto il mondo che si sono impegnati a raccogliere e raccontare queste storie. Il mainstreaming ambientale sta anche mettendo in discussione gli strumenti della guerra. Le organizzazioni utilizzano dati e principi ambientali per articolare l'impatto ecologico e umanitario delle armi e delle pratiche militari. Questo si è ora ampliato per affrontare il modo in cui viene gestita l'eredità di particolari armi, per le decisioni su come e dove vengono utilizzati particolari tipi di armi, o anche se vengono utilizzati affatto.

Sono i dati e le esperienze della comunità, e che sono stati condivisi il 6 novembre, che hanno contribuito a renderlo tangibile. Comunicare perché la protezione dell'ambiente è una priorità umanitaria fornisce anche nuovi argomenti e nuovi destinatari. L'advocacy incentrato sui civili apre linee di dibattito in base al diritto internazionale umanitario e al diritto dei diritti umani e molte organizzazioni lo stanno usando come un'opportunità per mettere in primo piano la necessità di rafforzare la protezione ambientale. Sono inoltre in corso collegamenti tra la protezione giuridica dell'ambiente in caso di conflitto e il ruolo degli ecosistemi funzionanti nel ridurre la vulnerabilità delle comunità ai cambiamenti climatici. Una volta potevamo solo guardare alle disposizioni ambientali del diritto internazionale umanitario mentre cercavamo di sostenere una maggiore protezione. Grazie alla progressiva borsa di studio e al patrocinio di esperti in un'ampia gamma di campi giuridici, non solo sono stati compiuti sforzi per chiarire le regole del diritto internazionale umanitario, ma la comunità è ora vicina alla formulazione di una serie di principi e regole che riguardano la protezione legale in tutto il ciclo dei conflitti. L'ambiente si è radicato anche nei settori e nelle istituzioni che fanno parte dell'architettura internazionale di pace e sicurezza. In collaborazione con le Nazioni Unite, le organizzazioni umanitarie e per la costruzione della pace stanno apportando le competenze ambientali necessarie per fare il punto sulle implicazioni ambientali delle loro attività e sul potenziale dell'ambiente per proteggere e sostenere coloro che assistono. Il mainstreaming ambientale militare non è più limitato alle operazioni multilaterali di mantenimento della pace. Gli individui all'interno delle forze armate stanno sostenendo il cambiamento, spesso di fronte a una notevole resistenza istituzionale. Queste iniziative sono facilitate dalle conversazioni che si stanno svolgendo all'interno delle Nazioni Unite, dove la società civile e i governi progressisti stanno lottando per comunicare le relazioni tra le crisi del clima, della biodiversità e dell'inquinamento e la nostra sicurezza collettiva. In questo sono guidati dalla crescente consapevolezza e dalle aspettative ambientali delle nostre società. Sono anche alimentati dai donatori governativi e istituzionali che riconoscono la necessità di ricerca e advocacy in questi campi e uniscono i punti tra ambiente, pace e sicurezza. 

GUERRE PACE La Rivista di informazione internazionale alternativa
Tutti i diritti riservati 2019
Creato con Webnode
Crea il tuo sito web gratis!